MACHUPICCHU.CENTER logo


Storia di Inti Raymi


inti raymi history

Inti Raymi ai tempi degli Inca era una cerimonia religiosa, oggi è una rappresentazione teatrale. Tuttavia, dà ancora un senso di identità alla gente di Cusco, riportando valori morali e ricordi essenziali per la città e, cosa più importante: rappresenta un patrimonio culturale che è ancora vivo nel cuore di ogni cusqueñano.

Oggi è la seconda festa più grande del Sud America, ancora celebrata nelle culture indigene di tutte le ande. Gli attori vengono scelti nel corso dell'anno e i loro costumi sono preparati con cura con ornamenti d'oro e d'argento che denotano il rango tra i nobili e i sommi sacerdoti. Le celebrazioni tutt'intorno coinvolgono musica e danze.


Di cosa tratta veramente l'Inti Raymi Festival?

L'Inti Raymi era una cerimonia religiosa dell'Impero Inca in onore del dio (Inti), una delle divinità più venerate nella religione Inca. Era la celebrazione del solstizio d'inverno e divenne una festa importante per l'ambiente religioso, cerimoniale, sociale e politico che si estendeva attraverso l'intero Tahuantisuyo (Impero Inca). Dopo la conquista spagnola, la chiesa cattolica vietò le celebrazioni dell'Inti Raymi nel 1570, relegandole nella clandestinità e quasi nell'oscurità.

inti raymi festival ceremony

Il Festival Inti Raymi è stato ripreso ed è tra le attrazioni più spettacolari del Perù. Ogni giugno, la città di Cusco si prepara al festival per nove giorni. I primi giorni riguardano più feste e celebrazioni che un'antica tradizione, ma il 24 giugno è il momento in cui si svolge il vero festival di Inti Raymi. Il centro di Cusco è chiuso al traffico mentre attori, ballerini, cantanti e altri artisti si riuniscono da tutte e quattro le suyu o “province” dell'ex impero Inca.

I due ruoli più ambiti sono quelli del Sapa Inca e della sua consorte Mama Oclla. Sono scelti con molta attenzione tra gli attori e gli artisti quechua più talentuosi e famosi per rappresentare la dignità e la grandezza dell'imperatore e dell'imperatrice.

Dopo che gli artisti si sono riuniti, la cerimonia inizia a Coricancha, dove la Sapa Inca si rivolge al sole nascente. L'Imperatore e il suo entourage iniziano quindi una processione attraverso il centro di Cusco, seguendo l'antico percorso tracciato da Pachacuti Inca Yupanqui oltre 600 anni fa.

A Sacsayhuamán, il 24 giugno di ogni anno, Inti Raymi rinasce!


La cerimonia dell'Inti Raymi

La cerimonia principale ha luogo quando il corteo raggiunge le rovine di Sacsayhuaman. Qui i rappresentanti dei quattro suyu riferiscono all'imperatore sullo stato del regno e riaffermano la loro fedeltà. La Sapa Inca tiene un discorso al popolo e un altro all'Inti, il sole, esattamente alle 13:30. La Chicha, una specie di birra di mais sacra agli antichi Inca, viene passata dal Sapa Inca alla sua corte.

inti raymi ceremony

Infine, dopo alcuni altri rituali, viene organizzato un sacrificio del lama (non avviene alcuna uccisione) per placare il sole e garantire che le giornate ricomincino ad allungarsi. Si tengono danze e spettacoli, che ancora una volta rappresentano le tradizioni e la cultura nativa delle quattro regioni dell'antico impero e dei suoi diversi popoli. Poi la festa finisce e tutti tornano al centro di Cusco per vari after-party e festeggiamenti.


Storia di Inti Raymi

La storia di Inti Raymi risale all'inizio del Tawantinsuyu, il termine quechua per l'impero Inca. Inti Raymi era la festa Inca più importante in quanto celebrava il loro Capodanno. La festa celebrava il ritorno del sole (Inti) durante il solstizio d'inverno e il legame del Sapa Inca con il suo popolo. Ai vecchi tempi, la festa prevedeva molti sacrifici umani e animali, ma il revival moderno enfatizza le offerte simboliche di figurine ed effigi. Queste offerte dovevano compiacere l'Inti nel punto più lontano dalla Terra e convincerlo a tornare per dare la vita alla terra.

cusco city mountainrr

I primi tre giorni del festival sono iniziati con una massiccia processione dal Tempio Inca del Sole, Coricancha (ora Convento Cattolico di Santo Domingo), attraverso la città di Cusco, la capitale Inca, fino alla fortezza di Sacsayhuaman. Gli operai correvano davanti al corteo, spazzando la strada e ricoprendola di fiori in modo che fosse pulita e morbida sotto i piedi del seguito del Sapa Inca. A quel tempo, a Sacsayhuaman c'era un'enorme torre dorata sulla quale gli Inca salivano per rivolgersi al popolo dell'impero. I sacerdoti di Inti avrebbero benedetto il popolo e la processione sarebbe tornata a Cusco.

inti raymi coricancha

Il quarto giorno, a metà della festa, furono sacrificati fino a duecento lama e alpaca. In tempi di difficoltà, come terremoti o pestilenze, venivano sacrificati anche due bambini da ciascuna delle quattro regioni dell'impero. Le viscere dei lama neri sarebbero state esaminate dai sacerdoti per ottenere auspici del prossimo anno. Verrebbero versati due grandi calici dorati della migliore chicha. Uno sarebbe stato dato a Inti e versato in un barattolo che si trovava nel tempio, e l'altro sarebbe stato prima sorseggiato dal Sapa Inca che poi lo avrebbe passato alla nobiltà per consolidare il legame di lealtà tra sovrano e suddito.

L'Inti Raymi fu fondato da Pachacuti Inca Yupanqui, il nono Sapa Inca e uno dei più grandi conquistatori dell'impero. Pachacuti prese il piccolo regno centrato su Cusco e lo trasformò in un enorme impero che si estendeva attraverso le Ande. Nel 1412, per celebrare i suoi successi e consolidare la sua posizione di figlio di Inti, organizzò la prima celebrazione di Inti Raymi insieme a sua moglie, che simboleggiava la leggendaria Mama Ocllo.

inti raymi festival

L'ultimo Inti Raymi ufficiale di Tawantinsuyu fu tenuto dal condannato Inca Atahualpa nel 1535, l'anno prima della conquista spagnola. La Chiesa cattolica, con il sostegno dell'Impero spagnolo, bandì il festival, sebbene continuasse sotto copertura e in aree remote dove gli spagnoli e la Chiesa avevano poco potere. Nelle zone in cui la chiesa era più potente, la Festa del Sole veniva fusa con la festa di San Giovanni Battista e celebrata in una veste accettabile per i sacerdoti e i conquistadores.

faustino espinoza navarro

(Faustino Espinoza Navarro nel ruolo di Sapa Inca al primo Inti Raymi moderno, 1944)

La festa fu ripresa nel 1944 da Faustino Espinoza Navarro, scrittore, attore e regista quechua, che fece rivivere la celebrazione a Cusco come parte di uno sforzo per ripristinare l'orgoglio e l'identità del popolo quechua. Lo stesso Navarro ha interpretato la Sapa Inca per dodici anni, prima di cedere il ruolo a un successore scelto con cura per eloquenza, dignità e grazia. Oggi la celebrazione annuale, eseguita in quechua, attira migliaia di turisti da tutto il mondo ed è la seconda festa più grande del Sud America dopo il Carnevale di Rio de Janeiro. Celebrazioni più piccole si svolgono in tutte le Ande e ovunque si sia diffuso il popolo quechua, comprese città lontane come San Francisco e Madrid.

r